Skip to content

Stefano Sennhauser “Avvocato dell’Anno – Securitization” ai Legal Awards 2021

La seconda edizione degli awards targati Class Editori premia Stefano Sennhauser quale avvocato che si è distinto per l’attività sulle cartolarizzazioni.

Il riconoscimento è stato conferito nel corso della MF Italian Legal Week, evento che si è svolto dal 3 al 5 febbraio in modalità digitale con un programma ricco di conferenze dedicate al mondo legale. Organizzati da Class Editori, casa editrice attiva da oltre trent’anni nel campo dell’informazione finanziaria, i Legal Awards premiano “I migliori Avvocati e i migliori Studi Legali” individuando i vincitori in base alla ricerca elaborata da MF/Milano Finanza in collaborazione con PBV Monitor, piattaforma di intelligence che raccoglie e analizza le informazioni sulle operazioni seguite dagli studi legali da fonti pubbliche.

Al conferimento del premio, Stefano Sennhauser, Senior partner di Allen & Overy Italia, ha commentato: “Sono contento di questo premio che considero un riconoscimento alla professionalità e dedizione dell’intero team di professionisti dello studio dedicato a questo settore. Nella nostra professione, e a maggior ragione nella finanza strutturata, il vero valore non sta nei singoli ma nella squadra.”

Nel corso del 2020, anno oggetto di analisi ai fini del premio, Stefano Sennhauser è stato coinvolto in una serie di operazioni di rilievo tra le quali si evidenza l’assistenza alle banche finanziatrici, JP Morgan e UBS, nella definizione e conclusione degli accordi di finanziamento a supporto della scissione di un portafoglio di crediti deteriorati per un valore di circa 9 miliardi da parte di Banca Monte dei Paschi di Siena in favore di Amco. Un’operazione particolarmente innovativa in quanto la struttura di finanziamento beneficia della garanzia di un patrimonio destinato comprensivo dei crediti e rapporti oggetto di scissione, sulla base delle nuove previsioni normative introdotte all’art. 7.1(a) della legge 130/99 come integrato dal c.d. Decreto “Milleproroghe”.